Monte Oliveto Maggiore

Gratuito
Arte 3 Ore Cultura

Monte Oliveto Maggiore

Questa splendida abbazia fu fondata nel 1319 da tre nobili senesi che decisero di abbandonare lussi e ricchezze per ritirarsi in solitudine e vivere secondo la regola benedettina.

Bernardo Tolomei, Patrizio Patrizi e Ambrogio Piccolomini scelsero, come luogo della loro nuova vita, un’area denominataAcona, un’angolo delle Crete Senesi caratterizzato da imponenti e scenografici calanchi, dove, oggi come ieri, pace e tranquillità regnano sovrane.

L’Abbazia è ancora oggi abitata dai monaci olivetani, ed è possibile visitare la meravigliosa chiesa, il grande chiostro con il celeberrimo ciclo affrescato con le storie di San Benedetto (XV-XVI secolo, iniziato da Luca Signorelli e portato a termine da Antonio Bazzi detto il Sodoma), la preziosa farmacia, la ricca biblioteca, il refettorio e un sorprendente, piccolo museo.

All’interno di questo sono esposte alcune importanti opere d’arte, alcuni acquerelli del ‘700 con le vedute dell’Abbazia, ed anche una tela donata ai monaci dall’Artista Luigi Mussini, insegnante di Amos Cassioli.

Durante alcune liturgie (Messa conventuale, Vespri, Compieta ed in parte alle Lodi), è possibile ascoltare gli antichi canti gregoriani, tradizionalmente attribuiti appunto a Papa S. Gregorio Magno (540-604) ancora in uso presso i monaci olivetani.

PHOTO CREDITS: 

Luciano Francini, Antonio Cinotti, Massimiliano Roncucci, Francesco Giorni

Info e Accessibilità

ORARI

Tutti i giorni, 9:15-12:00 e 15:15-17:00.
Nel periodo estivo la chiusura è prorogata alle 18:00

GRATUITO
DOVE SIAMO

Monte Oliveto Maggiore,
53041 – Asciano (SI)

INFO

Tel. +39 0577 714450
Mobile: +39 348 0847875
Email: info@visitcretesenesi.com
http://www.monteolivetomaggiore.it/

“È qualcosa di stupendo sia per gli affreschi nel chiostro che il refettorio e la biblioteca,ma la cosa più bella è passeggiare nei boschi intorno con cappelle solitarie e un silenzio che ti fa apprezzare il contesto della natura che ti avvolge. Stupendo, anche nell' angolo del ricordo dei frati defunti. Fermarsi vuol dire fare del bene a se stessi. ”
fagifamily
TripAdvisor
“Lasciata l'auto al parcheggio, l'abbazia si raggiunge a piedi percorrendo una stradina in discesa nel verde. Da visitare oltre alla chiesa, il bellissimo chiostro affrescato, la biblioteca e la farmacia con i suoi interessanti arredi. Trovandoci verso ora di pranzo, abbiamo potuto visitare anche il refettorio con i tavoli apparecchiati. I monaci sono disponibili e accoglienti, la visita è gratuita...”
giovdacunzo
TripAdvisor